Ultimi Articoli

Rimani in contatto

Seguici sui social

Eurovelo 11: il percorso dell’Europa Orientale

Da Capo Nord ad Atene: oltre 6.000 km e ben 11 paesi. 

L’Eurovelo 11 tocca Norvegia, Finlandia, Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Slovacchia, Ungheria, Serbia, Macedonia e Grecia.

Tallin

Tallin

E’ uno dei percorsi eurovelo che attraversano l’Europa da nord a sud e, come Eurovelo 1 e 7, parte dall’estrema punta settentrionale del continente. Il tracciato scorre in Norvegia per circa 270 km in una regione dai paesaggi particolarmente affascinanti. Il bellissimo panorama nordico accompagna i ciclista anche nell’attraversamento della Lapponia e a Rovaniemi, capoluogo della regione. Il tratto finlandese termina a Helsinki, vivace capitale del paese, da cui è necessario prendere un traghetto alla volta di Tallin.

Arrivati nella prima delle tre Repubbliche Baltiche il tragitto scorre tranquillo lungo strade secondarie e piste ciclabili, molto sviluppate in tutti e tre i paesi. Una volta sbarcati si ha l’occasione di visitare il centro storico medievale di Tallin, riconosciuto tra i Patrimoni dell’Umanità dell’UNESCO fin dal 2007, prima di riprendere la rotta verso sud. Dopo circa 450 km si varca il confine con la Lettonia. Qui il percorso attraversa numerose riserve naturali e parchi protetti: è un tratto particolarmente piacevole dal punto di vista paesaggistico.

Arrivati in Lituania si procede spediti verso Vilnius, la capitale, attraversando piccoli villaggi rurali e campi coltivati. Si torna a pedalare in campagna anche dopo esserci lasciati alle spalle al periferia della città.

La Polonia si trova proprio nel cuore della grande pianura centrale europea per ciò per i primi 450 km si pedala in piano immersi in un paesaggio campestre in cui i campi si alternano a piccoli villaggi, foreste e laghi. Eurovelo 11 porta quindi a visitare Varsavia, città completamente ricostruita dopo i bombardamenti della guerra e oggi culturalmente molto ricca. Usciti dalla capitale si procede verso sud attraversando anche Cracovia per poi inoltrarsi nella regione dei Carpazi.

Il tratto slovacco è piuttosto breve: poco più di 130 km. La città più importante in cui ci si imbatte è Kosice, punto di riferimento per l’intera area circostante.

In Ungheria si segue il fiume Tibisco mantenendosi quasi sempre in pianura. Di particolare interesse è la regione del Tokaj famosa per la sua grande e variegata produzione di vino che poi viene esportato in tutto il mondo.

Si lascia il corso del fiume solo quando questo confluisce nel Danubio, presso Belgrado in Serbia. Superata la città il percorso prosegue nella zona montuosa del paese sui Balcani, le salite che si affrontano restano comunque al di sotto di una pendenza impegnativa.

La Macedonia è lo stato successivo che si presenta ai cicloturisti che viaggiano sull’Eurovelo 11. Il paese è nato dalla dissoluzione della Jugoslavia negli anni ’90 e in effetti è ancora indicato come FYROM ovvero “Former Yugoslav Republic of Macedonia”. L’ideale è una sosta a Skopje per ammirare il centro di questa antica città abitata fin da tempi lontanissimi, ben prima della conquista romana.

Atene - l'Acropoli

Atene – l’Acropoli

Passati i Balcani si entra in Grecia e si procede verso Salonicco, una delle città più importanti per il paese dopo la capitale. Qui si ritrova il mare, il caldo Mediterraneo, e si torna a pedalare lungo la costa avendo anche l’occasione di vedere il famoso Monte Olimpo, la residenza degli dei per gli antichi greci. Il percorso prosegue nella regione della Tessaglia per poi terminare ad Atene.

Dopo tanti km in bicicletta, ci si può concedere una rilassante visita turistica dell’Acropoli.

 

 

Fate Attenzione: non tutti i tratti del percorso sono stati ancora realizzati, si consiglia di controllare il sito ufficiale di Eurovelo per ulteriori informazioni.

Cosa ne pensi di questo articolo?