Ultimi Articoli

Rimani in contatto

Seguici sui social

Tour dell’Alpe Cimbra: cicloturismo in MTB tra Folgaria, Lavarone e Luserna

27 Giugno – 1 Luglio 2016

Lo staff di Cicloturismo è andato in esplorazione del magnifico territorio dell’Alpe Cimbra: circa 105 kmq nel Trentino sud-orientale, tra le cittadine di Folgaria, Lavarone e Luserna.
Per una settimana abbiamo fotografato e tracciato di persona km e km di sentieri, aiutati lungo la via dalle locali APT e spesso direttamente dalla gente del luogo.

13528843_1317470341616213_1519595265199031218_n 13506985_1317470441616203_5885256053051124039_n 13533126_1317468888283025_2668552769023648589_n 13557799_1317468874949693_462772942964761481_n

Arriviamo sul posto in una splendida giornata estiva, dopo giorni di tempo incerto.
Subito incontriamo Ilaria e Marco responsabili di una APT locale con i quali cominciamo a programmare il nostro soggiorno documentaristico in questo splendido angolo di Trentino.
Dopo poco raggiungiamo l’Hotel Due Spade in località San Sebastiano nel comune di Folgaria e veniamo accolti dal sorriso di Maria Pia. Quest’incontro ci mette di buon umore per affrontare la prima escursione della settimana.
Partendo dall’hotel arriviamo fino al Forte Cherle a quota 1.440 mt. Si tratta di una delle numerose installazioni militari austriache che caratterizzano questi altipiani. Boschi e prati alpini ci accompagnano per tutto il tragitto fino alla sommità del colle, per un dislivello totale di circa 500 mt.
Una gita breve ma molto suggestiva ci riporta poi all’Hotel Due Spade. L’ottimo pranzo ristoratore della struttura ci da la carica per la prossima escursione.

13567125_1318527198177194_2313246229967810641_n 13533316_1318527454843835_4402036495292895054_n 13512001_1318527518177162_7989365684368350798_n 13510844_1318030861560161_3342955286365915724_n

Il secondo giorno che passiamo a Folgaria ciò che più ci colpisce è la dolorosa memoria delle guerre che tutte queste fortificazioni austriache ci richiamano alla mente lungo i sentieri. In un paesaggio che sembra disegnato apposta per le biciclette, in mezzo alla natura, nell’aria fresca della montagna, spuntano i fortini simbolo della I Guerra Mondiale: il Forte Sommo Alto, presso il Passo Coe, ed il Forte Campomolon, nel territorio vicentino.
Da notare le strade della Regione Trentino Alto-Adige in confronto a quelle del Veneto: ottime le prime, piene di buche e crepe le seconde….

13495162_1318870171476230_3616454331205333330_n 13495205_1318869964809584_6623492462582794636_n 13567509_1318868741476373_6905634559087240082_n 13501580_1318868684809712_8552675704918758227_n

Il terzo giorno ci cimentiamo nella salita che dal paese di Serrada porta a quota 1.603 mt fino al Rifugio Finonchio dei F.ll Filzi. Dopo circa 4 km di pedalata impegnativa arriviamo da Michela ed Alberto che ci deliziano con le loro specialità trentino-mantovane. Il panorama da quassù è meraviglioso e da solo basta come premio per la fatica fatta durante la salita.
Il pomeriggio ci raggiungono gli amici dell’Alpe Cimbra Bike e dell’Alpe Cimbra Activity che ci illustrano tutte le attività che si possono praticare nel comprensorio di Folgaria-Lavarone-Luserna: mountain-bike, nordic walking ed escursioni enogastronomiche!

13590366_1319674678062446_3068530860983303208_n 13516284_1319674654729115_9207770852229940628_n 13537640_1319675381395709_3964561374097892418_n 13528660_1319676104728970_2169269357599176058_n

Il quarto giorno il nostro tour continua nel territorio di Lavarone.
Si comincia la giornata con un breve itinerario chiamato “Il Respiro degli Alberi” che si sviluppa interamente su strada forestale con fondo ghiaiato regolare. Lungo il sentiero gli alberi d’autore creano la suggestione di un museo naturale a cielo aperto: un vero e proprio evento d’arte nel bosco!
Più tardi ci tornano alla mente la storia e le guerre. In bici arriviamo al cimitero di Slaghenaufi dove riposano 700 caduti di ogni nazionalità che hanno perso la vita negli scontri qui avvenuti durante la I Guerra Mondiale. Anche da qui la vista della valle e delle montagne ci conferma che l’Alpe Cimbra è uno scrigno di bellezza e riflessioni dal fascino unico.

13590462_1319688301394417_6776131583534373533_n 13509026_1319688408061073_6015253155595647561_n 13566910_1319687844727796_7525812663999674772_n 13537526_1319687494727831_7812712782296736111_n

Arriva infine il momento di ripartire e salutare il territorio dell’Alpe Cimbra. Abbiamo visitato un luogo magico dove sostando in una malga lungo il sentiero, capita di incontrare un casaro che scalda e rompe la cagliata o di veder trasformare il latte in forme di “Vezzena”. Scoprite anche voi l’esperienza eccezionale che regala l’attraversare tutti i profumi del bosco, scoprite l’Alpe Cimbra!

Cosa ne pensi di questo articolo?