fbpx

Ultimi Articoli

Rimani in contatto

Seguici sui social

hydration

L’idratazione nel ciclismo

Quando si viaggia in bicicletta, quando si gareggia in una granfondo, quando ci si allena, quando si esce per un giro in sella con gli amici… ognuna di queste attività deve essere supportata dalla corretta idratazione.
Tutte le volte che ci muoviamo o facciamo uno sforzo fisico, come richiesto appunto dall’attività sportiva in bicicletta, il nostro corpo consuma energia. Tale operazione genera calore e di conseguenza la nostra temperatura corporea aumenta. Per mantenerla sotto controllo espelliamo sudore: ovvero scorie, acqua e sali minerali.
Reintegrare l’acqua e i sali minerali che perdiamo è fondamentale per non compromettere la nostra performance e mantenere l’organismo in funzione.

Dato che siamo fatti per la maggior parte di acqua, va da se che la maggior parte dell’idratazione deve avvenire ingerendo acqua. Il modo migliore è bere a piccoli sorsi, ma di frequente durante tutta la pedalata.
Infatti se si ingeriscono grandi quantità d’acqua in una volta sola, lo stomaco si gonfia e nel cervello scatta un segnale di allarme per fare in modo che l’acqua in eccesso venga espulsa con la diuresi.
Tuttavia l’acqua è una bevanda dal basso contenuto energetico, quindi nel ciclismo è consigliabile alternarla con bibite isotoniche, cioè acqua con aggiunta di integratori salini, elettroliti e carboidrati.
Da evitare le classiche bevande energetiche troppo cariche di zuccheri e le bevande alcoliche.

Un ottimo metodo per combattere la disidratazione nel periodo estivo, quando le giornate sono davvero molto calde, è fare il pieno di acqua il giorno precedente all’attività in bici.
Ovvero fare un precarico di liquidi bevendo acqua a intervalli regolari e mangiando frutta e verdura (alimenti ricchi di acqua sono il melone, l’anguria, le pesche – alimenti ricchi di proteine e sali minerali sono la quinoa, il riso ed il farro).

Bere bevande calde aiuta? Si ma non è la soluzione migliore per i ciclisti. Bere te caldo, come per esempio è usanza nei paesi mediorientali, migliora lo scambio termico del corpo aumentando la sudorazione. Quando si va in bici però, dobbiamo cercare di abbassare la temperatura corporea per evitare di sudare eccessivamente e quindi di perdere liquidi. L’ideale è bere acqua a 10-12°C.

Attenzione ai segnali che vi manda il vostro corpo!
Se la vista si annebbia, la stanchezza si fa sentire all’improvviso, gli occhi si chiudono: fermatevi all’ombra e bagnate testa, collo e polsi. Restate seduti finché non vi sentirete meglio.

Cosa ne pensi di questo articolo?