fbpx

Ultimi Articoli

Rimani in contatto

Seguici sui social

In bici alla scoperta delle Ville di Roma

Roma non è la città più bike friendly d’Italia, ma è comunque possibile visitare alcune zone della capitale sui pedali evitando il traffico che la caratterizza.
Un itinerario sicuro per i cicloturisti è quello che permette di esplorare i tre grandi parchi cittadini: Villa Ada, Villa Borghese e Villa Pamphilj. Il percorso corre in gran parte su piste ciclabili e su strada per qualche breve tratto.

La traccia allegata riporta semplicemente il percorso più breve che collega le tre ville, in totale 11 km, ma niente vieta di inoltrarsi lungo i sentieri dei parchi ed esplorarli con calma.

Si pedala su fondo misto di asfalto, sampietrini e sterrato. La soluzione migliore è quindi quella di utilizzare una bici da trekking o una mountain bike front. Lungo alcuni sentieri del parco di Villa Ada e Villa Pamphilj si trovano anche piccoli ostacoli che i biker della capitale utilizzano per allenarsi quando restano in città.

LUOGHI D’INTERESSE ATTRAVERSATI
Villa Ada si è trasformata in parco urbano in seguito all’espansione della città, ma era nata come tenuta agricola fuori dal centro. Oggi è uno dei polmoni verdi di Roma, una vasta area grande circa 180 ettari, ricca di flora e fauna variegata.

Villa Borghese è forse il parco più amato e frequentato dai romani, famoso anche per i turisti grazie alla collezione d’arte presente all’interno della villa. E’ sede del bioparco e vi si trova anche il suggestivo tempietto di Esculapio.

Il Gianicolo è un colle verde che si trova sul percorso, ci si arriva superando una breve salita. Da quassù si ha una splendida vista di Roma.

Villa Pamphilj è invece il parco più grande della città: ben 184 ettari. Vi si trovano vasti prati molto ben tenuti, specialmente nei pressi della villa, ma anche aree selvagge nella zona ovest. Il parco è diviso in due da una strada trafficata, ma si attraversa facilmente grazie ad un ponte pedonale.

SCARICA L’ITINERARIO: Roma – Giro delle Ville

Cosa ne pensi di questo articolo?