Cicloturismo

Il blog dedicato al cicloturismo ed ai viaggi in bicicletta

Scopri tutti gli articoli sul cicloturismo

Ultimi Articoli

Rimani in contatto

Seguici sui social

Come controllare lo stato del telaio

Il telaio della bicicletta, con il passare del tempo, è sempre più esposto a danni e graffi più o meno evidenti. Al contrario di quanto si possa pensare, infatti, il telaio non è eterno!

L’aggressione degli agenti atmosferici, le cadute, ma anche il solo utilizzo nel tempo diminuiscono la sua resistenza e la sua durata. Secondo alcuni studi un telaio in fibra di carbonio inizia a mostrare segni di cedimento dopo aver percorso 100.000 km, uno in acciaio resiste fino ai 500.000 km.

Anche se non si presentano problemi evidenti, è meglio effettuare un controllo periodico sui punti più critici del telaio. In genere tale operazione viene messa in atto in primavera ed in autunno, prima e dopo l’utilizzo intensivo dell’estate.

Cosa guardare nello specifico?

  • Stato superficiale della vernice: nel caso di telaio in acciaio/alluminio eventuali graffi superficiali non devono destare preoccupazioni. Attenzione però alle cromature, se sono arrugginite significa che sono compromesse. Nel caso di telai in fibra di carbonio anche i graffi superficiali possono essere sintomo di qualcosa di ben peggiore come una crepa interna.
  • Tubo di sterzo: il termine ultimo di scarico delle vibrazioni provenienti dalla ruota anteriore è forse una delle parti più esposte all’usura del telaio bisogna quindi controllare che non presenti deformità anomale. E’ importante controllare anche la parte a contatto con la forcella.
  • Scatola del movimento centrale: crepe superficiali in questa parte del telaio possono indicare una imminente rottura. Provate anche a muovere le pedivelle per controllare la presenza di eventuali scricchiolii.
  • Reggisella: un’altra delle zone più problematiche del telaio. Controllate se ci sono bozze e se il sistema di fissaggio è ancora integro. Provate quindi a estrarre il reggisella per vedere se si sfila con facilità o meno.
  • Pendenti e forcellini: non devono presentare pieghe strane o crepe e devono avere entrambi la stessa curvatura. E’ necessario verificare che la ruota giri liberamente senza sfiorare il tubo pianto in modo anomalo.
  • Manubrio: se sollecitato il manubrio non deve piegarsi o emettere scricchiolii anomali.

Cosa ne pensi di questo articolo?