fbpx

Ultimi Articoli

Rimani in contatto

Seguici sui social

Cicloturismo tra Bergamo ed il Lago d’Iseo

Nelle campagne tra Bergamo ed il Lago d’Iseo si trova un percorso ciclabile ideale per esplorare la Val Seriana e la Val Cavallina attraverso il Passo del Colle del Gallo.

Lungo circa 94 km, è da affrontare in almeno due giorni per godere con calma dei paesaggi locali. L’itinerario completo presenta tre salite, due molto semplici e brevi ed una più difficile: quella del Colle del Gallo (circa 8 km).

Il punto di partenza è la graziosa cittadina di Lovere affacciata all’estremo nord della sponda orientale del Lago d’Iseo. Lovere è ideale anche come base per escursioni nella vicina Val Camonica. Il percorso si dirige quindi verso sud costeggiando il lago lungo una meravigliosa pista ciclabile.

Il panorama che si può ammirare dalla ciclabile spazia su buona parte del lago abbracciando in particolare il Monte Isola, la più grande e alta isola lacustre dell’intera Europa.

   

Arrivati a Sarnico, il percorso devia verso est procedendo per diversi km sempre in pianura fino al centro abitato di Trescore Balneario nella Val Cavallina.
Superato il paese bisogna prepararsi per affrontare le prime salite previste dall’itinerario.

Quindi in discesa si raggiunge la pista ciclabile della Val Seriana che corre parallela al fiume Serio. Si prosegue sulla pista per circa 5 km per poi svoltare in salita verso destra dopo il paese di Albino. La salita che si intraprende è quella del Colle del Gallo, la più impegnativa dell’itinerario.
In cima al colle è posto un monumento al ciclista dove una sosta è d’obbligo.

La discesa dal colle è piuttosto impegnativa con curve e tornanti che richiedono massima attenzione. In poco tempo tuttavia si arriva nel territorio della Val Cavallina nei pressi del Lago di Endine. Si segue fedelmente il profilo del lago per circa 6 km e mantenendo la stessa direzione si torna a Riva di Sotto sul Lago d’Iseo.
Il percorso si conclude quindi di nuovo a Lovere.

SCARICA L’ITINERARIO: Anello del Lago d’Iseo da Lovere

Cosa ne pensi di questo articolo?