fbpx

Ultimi Articoli

Rimani in contatto

Seguici sui social

La Via di Francesco

via-di-francescoUn suggestivo itinerario che collega tra loro i luoghi simbolo della vita del santo, la Via di Francesco è un percorso di circa 500 km che tocca Toscana, Umbria e Lazio. Il silenzio e la natura incontaminata che si incontrano lungo il percorso esaltano il messaggio di pace ed amore che San Francesco predicava su questa stessa via durante i suoi anni di pellegrinaggio.

 

Il cammino si può dividere in: Via del Nord, per chi proviene dalla Toscana, e Via del Sud, per chi proviene dal Lazio. Nel primo caso la partenza è fissata presso il piazzale del Santuario della Verna, circondato dagli ombrosi boschi appenninici. Nel secondo caso il punto di partenza è invece rappresentato dal Santuraio di Greccio, nella valle reatina. La destinazione d’arrivo è in entrambi i casi la città di Assisi, patria di San Francesco.

 

La Via di Francesco è interamente percorribile sia a piedi che in bicicletta, preferibilmente in mountain-bike. Il percorso si snoda in gran parte tra montagne e colline incontrando salite e discese talvolta impegnative per cui è richiesto un minimo di preparazione fisica ed allenamento adeguato. Come per ogni cammino francescano, anche per questo itinerario esiste la credenziale del pellegrino (una specie di passaporto da far timbrare in ogni tappa per attestare il proprio passaggio).

 

Lungo la via sono disposti numerosi cartelli d’indicazione (contrassegnati dai colori giallo e blu) che rendono estremamente semplice per i pellegrini seguire la strada giusta. Allo stesso modo è facile trovare alloggio per la notte, il percorso è infatti costellato di strutture alberghiere, bed & breakfast ed agriturismo. Pressoché in ogni paese attraversato è presente anche un negozio specializzato in cui reperire eventuali pezzi di ricambio per la bici e usufruire di assistenza per riparare il vostro mezzo.

 

I periodi migliori per partire alla scoperta della Via di Francesco sono sicuramente la primavera e l’autunno quando i colori della natura sono più vivi ed accesi.

Cosa ne pensi di questo articolo?