fbpx

Ultimi Articoli

Rimani in contatto

Seguici sui social

Additivi…dacci un taglio!!

Vi sveliamo da quali ingredienti è  meglio stare  alla larga e quali invece innocui e sicuri…
Ti sei mai chiesto quanti additivi mangi in un anno?  Più di 5 chilogrammi!!

Una ricerca inglese spiega che quasi il 75% della nostra dieta è costituito da alimenti in qualche modo trattati industrialmente…le sostanze chimiche possono annidarsi anche in prodotti dall’aspetto più innocente e quindi come difendersi?

Alcuni semplici consigli per districarsi nei meandri del supermercato

“E “come evitare?
A fianco di molti additivi da guardare con sospetto, ce ne sono altrettanti che invece, sono sicuramente innocui.
Quelli di derivazione naturale non presentano alcun problema come ad esempio la clorofilla colorante verde (E140) i carotenoidi giallo(E160) o la riboflavina( E101).
Quelli da cui ti conviene stare alla larga sono gli additivi sintetizzati unicamente per via industriale ad esempio

E 122 Azorubina  E 102 Tartrazina per la colorazioni gialle.

Evita i Polifosfati E 452 con la sola funzione di aumentare la concentrazione di acqua in prosciutto cotto o formaggi, gli esaltatori di sapidità E 621 presenti in patatine o dadi da brodo, i nitriti e nitrati(E250-251) impiegati come conservanti per salumi.

Troviamo poi i coloranti come il caramello, noto in alcune bevande zuccherate, ma la lista non finisce qui…ci sono gli ADDENSANTI, GELIFICANTI, STABILIZZANTI con nomi talvolta anche molto complessi, che si trovano oramai nella maggior parte dei prodotti alimentari..

Orto-fosfati
Acido alginico e i suoi Sali (Na-, K-, CA-, NH4-)
Propilenglicole alginato
Farine di semi di carrube e di guar
Gomma arabica, adragante, xantano, tara
Amidi e amidi modificati

Per un’ alimentazione ADDITIVE-FREE…
Controlla sempre le etichette, evitando quelli con colori troppo “sgargianti”
Cerca di limitare il consumo di prodotti in scatola o pronti, dolcificanti (preferisci il miele)..
Stai alla larga da caramelle e gommoni, preferisci del buon cioccolato fondente
Evita margarina e preferisci olio extravergine di oliva

Cosa ne pensi di questo articolo?