Cicloturismo in famiglia tra Rovereto, Trento e Lago di Garda

Cicloturismo in famiglia tra Rovereto, Trento e Lago di Garda

Il tratto della pista ciclabile del fiume Adige che collega Rovereto a Trento è perfetto per il cicloturismo in famiglia. La pista è abbastanza larga

Il tratto della pista ciclabile del fiume Adige che collega Rovereto a Trento è perfetto per il cicloturismo in famiglia. La pista è abbastanza larga anche per un carrellino quindi è possibile affrontarla anche con bambini molto piccoli.

Da Rovereto ci si dirige verso nord attraversando la località di Borgo Sacco passando davanti all’antica Manifattura Tabacchi. La pista scorre affianco a lunghi filari di vite che dolcemente accompagnano in prossimità del fiume.

Proseguendo, la pista ciclabile del fiume Adige permette di godere di una vista meravigliosa sulla Vallagarina e sui numerosi castelli locali. Particolarmente impressionante è la struttura di Castel Beseno risalente al XII secolo.

Lungo la ciclabile si trova un attrezzato Bicigrill da cui si vede molto bene il castello. Un’altra struttura per cicloturisti si trova a Trento, poco dopo la località di Mattarello e nei pressi del piccolo aeroporto locale. Entrambi sono dotati di parco giochi per i bambini.

L’entrata in bici nella città di Trento non è affatto pericolosa dato che si prosegue sempre su pista ciclabile protetta. Si raggiunge il centro storico in sella.

Chi non vuole concludere qui il viaggio può fermarsi in città per una notte e, il giorno dopo, sfruttare il comodo servizio di BiciBus che collega Trento al Lago di Garda.

Il bus ferma a Sarche, circa 20 km a nord del lago. Da qui inizia una pista ciclabile molto panoramica che segue il corso del torrente Sarca. La ciclovia, totalmente pianeggiante, si snoda nel verde della valle tra vigneti ed oliveti. Particolarmente rinomata a livello locale è la produzione di vin santo.

Si supera la zona di Marocche e l’ex-centrale idroelettrica di Fies. La pista ciclabile del torrente Sarca si interrompe a nord di Dro, quindi è necessario pedalare per qualche km su strada promiscua.

A ripagare della fatica ci pensano i magnifici panorami sul Lago di Garda che si possono ammirare dalle rovine del castello di Arco.
L’itinerario si conclude a Torbole, centro velico di rilevanza internazionale.

SCARICA L’ITINERARIO: Rovereto – Trento – Lago di Garda

COMMENTI