Biciclette senza pedali: gioco-strumento per i bambini

Biciclette senza pedali: gioco-strumento per i bambini

Le biciclette senza pedali per i bambini possono sembrare un semplice giocattolo, ma in realtà sono uno strumento importante che incoraggia la mobilit

Le biciclette senza pedali per i bambini possono sembrare un semplice giocattolo, ma in realtà sono uno strumento importante che incoraggia la mobilità e l’indipendenza.
Sul mercato se ne trovano di varie misure, colori, materiali e forme, se avete deciso di prenderne una per il vostro bambino o la vostra bambina c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Il momento più indicato per iniziare a sperimentare con la bicicletta senza pedali dipende da vari fattori. In primis dall’altezza del bambino quindi dalla confidenza acquisita nel camminare e dal suo equilibrio.

L’avvicinamento alla bici avverrà in maniera graduale. In genere i bambini tendono per prima cosa ad utilizzarla per sostenersi nella camminata, in un secondo momento provano anche a salire in sella. Il quando dipende come abbiamo detto dal bambino stesso e dalle sua capacità.
Una volta imparato a maneggiare il volante con attenzione e a sedersi correttamente, i bambini iniziano a spingersi con i piedi e poi a prendere velocità. Quando iniziano a sollevare i piedi da terra e rimanere in equilibrio per qualche secondo, avranno praticamente imparato ad andare in bicicletta.

Date le ridotte dimensioni delle biciclette senza pedali, i primi brevi spostamenti possono essere fatti anche in casa. Una volta acquisita più confidenza con il mezzo si può ampliare il raggio e aumentare la velocità degli spostamenti all’interno di parco o in un altro contesto sicuro. Questo permetterà al bambino di rapportarsi con gli altri e con le regole della strada.

Le biciclette senza pedali sono utilissime per portare il bambino a giocare all’aperto, per migliorare la sua mobilità ed incentivare la sua indipendenza. Inoltre, intorno ai 3 – 4 anni, dopo aver imparato ad usare la bici, il bambino sarà pronto per una bicicletta vera e propria senza passare dalla fase “bici con le rotelle”.

COMMENTI